EurHope 1995 - Agorá del Mediterraneo - Centro Giovanni Paolo II
16620
page-template-default,page,page-id-16620,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,transparent_content,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

EurHope 1995 – Agorá del Mediterraneo

Il Mediterraneo: mare ricco di storia e di avventura, luogo di scambio e di cultura, culla di popoli e civiltà! Civiltà diverse e sorprendenti, accomunate da una stessa passione: il desiderio di incontrarsi. Quale luogo migliore per l’incontro e lo scambio, se non una piazza?

Agorà dei giovani del Mediterraneo è il titolo ufficiale del nostro incontro che si é tenuto per 11 anni al Centro.

Dal 2001 il Centro, si é trasformato in una piazza per i giovani della Spagna, Portogallo, Francia, Italia, Ucraina, Slovenia, Croazia, Bosnia Erzegovina, Kossovo, Macedonia, Montenegro, Serbia, Albania, Grecia, Turchia, Israele, Palestina, Libano, Siria, Giordania, Egitto, Libia, Malta. Un girotondo di ventiquattro paesi nel grande cortile del Centro Giovanni Paolo II, quasi a riprodurre lo scenario del Mare Nostrum.

L’Agorà si inserisce in un cammino nato nel settembre 1995 dall’incontro EurHope in cui il Papa diede appuntamento a 400.000 giovani di Europa. Era il tempo della guerra nella ex-Iugoslavia e, nella valle di Montorso che da Loreto degrada dolcemente verso il mare e, Papa Giovanni Paolo II, auspicò che fosse edificata una casa per i giovani di Europa secondo l’ispirazione del Santuario della S. Casa. Cinque anni dopo nacque il Centro Giovanni Paolo II, la CASA DEL PAPA PER I GIOVANI.

AGORÀ DEI GIOVANI DEL MEDITERRANEO

“Sulle acque passerà la Sua via”

L’Agorà dei Giovani del Mediterraneo si é trasformata, a seguito delle riflessioni di questi anni, da evento a progetto: un percorso che ha vissuto durante l’intero anno e che ha trovato un momento di forte significato nella celebrazione dell’evento Agorà, il quale si é svolto sempre nel mese di settembre al Centro Giovanni Paolo II di Loreto.

Finalità del progetto

L’Agorà dei Giovani del Mediterraneo si propone di:

  • creare relazioni significative e durature tra giovani cattolici dei diversi Paesi del Mediterraneo (nella prospettiva dell’apertura al dialogo con i giovani di altre confessioni e religioni);
  • favorire la circolazione di informazioni ed esperienze tra le comunità giovanili dei Paesi coinvolti;
  • stimolare nei giovani una crescita nella sensibilità culturale, sociale e politica, in vista del mutuo sostegno di tutte le Chiese che si affacciano sul Mediterraneo;
  • stimolare una seria e documentata riflessione sull’importanza delle comuni radici cristiane per l’assetto dell’unione Europea ed il suo ruolo nel Mediterraneo.

Articolazione del progetto

L’Agorà dei Giovani del Mediterraneo è un progetto che si articola in:

  • attività di studio sul passato, presente e futuro della cooperazione tra diverse culture, popolazioni, religioni e Chiese del Mediterraneo;
  • una settimana di incontro internazionale giovanile a Loreto (Italia), presso il Centro Giovanni Paolo II, tra giovani leader cattolici dell’area mediterranea;
  • una rete di collegamento permanente tra i partecipanti e le rispettive realtà giovanili, da realizzare in particolare mediante un sito internet plurilingue;
  • incontri di programmazione e verifica tra i responsabili della pastorale per i giovani e per le missioni dei Paesi coinvolti nel Progetto, soprattutto dei Paesi partner e dei Paesi aderenti;
  • iniziative di monitoraggio della condizione giovanile dei Paesi del bacino del Mediterraneo (con eventuale redazione di un Rapporto annuale).

Contenuti del progetto

I contenuti che sostanziano il progetto Agorà sono:

  • storia del Mediterraneo e dei rapporti tra i diversi popoli e culture;
  • storia del cristianesimo nei Paesi del Mediterraneo e dei rapporti con le altre tradizioni religiose;
  • contenuti spirituali, dottrinali ed etici della fede cattolica in ordine alla responsabilità politica e culturale dei cristiani, al rapporto con le altre confessioni cristiane (ecumenismo) e fedi religiose (dialogo interreligioso);
  • condizione e cultura giovanile nei Paesi del Mediterraneo;
  • una delle beatitudini evangeliche (Mt 5, 1-12) è di anno in anno titolo e “tema generatore” della settimana a Loreto.

Soggetti del progetto

Per il progetto Agorà dei Giovani del Mediterraneo è stato redatto un testo di accordo (convenzione, statuto…), approvato e ratificato da parte dei membri del Comitato italiano e del Comitato internazionale: esso precisa e sviluppa le indicazioni sopra riportate, stabilendo il tipo di coinvolgimento e di impegno di ciascuno dei soggetti interessati.

Il Centro Giovanni Paolo II di Loreto

  • ha la direzione (insieme al Comitato italiano) del Progetto;
  • cura la segreteria organizzativa del Progetto;
  • ospita la segreteria di redazione e il webmaster del sito internet.

Il Comitato Italiano è composto da:

  • il direttore del Centro Giovanni Paolo II di Loreto;
  • il responsabile del Servizio Nazionale per la Pastorale Giovanile (o suo delegato);
  • il direttore dell’Ufficio nazionale per la Cooperazione missionaria tra le Chiese (o suo delegato);
  • il presidente dell’Associazione Amici del Centro Giovanni Paolo II (o suo delegato);
  • un rappresentante della Delegazione Pontificia della Santa Casa di Loreto.
  • Ha la direzione del Progetto (insieme al Centro Giovanni Paolo II);
  • predispone il programma annuale e cura la sua attuazione;
  • predispone un piano di finanziamento annuale, da sottoporre alla Conferenza Episcopale Italiana;
  • predispone i progetti da presentare all’Unione Europea per il finanziamento e il patrocinio;
  • si riunisce almeno tre volte l’anno.

Il Comitato internazionale è composto da:

  • i direttori degli organismi nazionali per la pastorale dei giovani e per la pastorale delle missioni delle Conferenze Episcopali del Paesi partner (o loro delegati);
  • il direttore del Centro Giovanni Paolo II di Loreto;
  • stabilisce annualmente le linee di indirizzo del progetto;
  • indica le attività principali della programmazione annuale;
  • si riunisce almeno una volta all’anno.

La Segreteria di coordinamento:

  • cura l’organizzazione delle iniziative previste nella programmazione annuale;
  • organizza le riunioni del Comitato italiano e del Comitato internazionale;
  • organizza i viaggi di scambio con i Paesi del Mediterraneo;
  • progetta e gestisce il sito internet del Progetto.

Per essere Paese partner del Progetto è necessario garantire:

  • la partecipazione all’incontro annuale del Comitato internazionale;
  • la presenza dei responsabili degli uffici (o di loro delegati) alla settimana di Loreto e alle altre iniziative internazionali;
  • la disponibilità di due giovani (uno designato dalla pastorale giovanile e l’altro dalla pastorale delle missioni) che siano referenti stabili del Progetto: essi potrebbero essere i medesimi che partecipano all’incontro di Loreto;
  • la partecipazione all’incontro di Loreto (oltre ai due giovani invitati dalla CEI) di una un delegazione nazionale inviata a proprie spese;
  • la disponibilità di interpreti per il servizio di traduzione durante le iniziative dell’Agorà e all’interno del sito internet;
  • la produzione e la condivisione di documenti e progetti riguardanti le tematiche dell’Agorà;
  • la promozione, tra i giovani e le associazioni giovanili del proprio Paese, della riflessione intorno alle tematiche del Progetto (attraverso incontri, pubblicazioni, media…);
  • diffondere nel proprio Paese la conoscenza del Progetto e dei suoi contenuti.

Per essere Paese aderente al Progetto è necessario garantire:

  • la disponibilità di due giovani (uno designato dalla pastorale giovanile e l’altro dalla pastorale delle missioni) che siano referenti stabili del Progetto: essi potrebbero essere i medesimi che partecipano all’incontro di Loreto;
  • la disponibilità di interpreti per il servizio di traduzione durante le iniziative dell’Agorà e all’interno del sito internet;
  • la produzione e la condivisione di documenti e progetti riguardanti le tematiche dell’Agorà;
  • la promozione, tra i giovani e le associazioni giovanili del proprio Paese, della riflessione intorno alle tematiche del Progetto (attraverso incontri, pubblicazioni, media…);
  • diffondere nel proprio Paese la conoscenza del Progetto e dei suoi contenuti.

I giovani vengono coinvolti a diversi livelli nel Progetto:

  • Alla settimana internazionale di Loreto partecipano due delegati per ciascun Paese del Mediterraneo (inviati dalle rispettive Conferenze Episcopali); sono inoltre presenti le delegazioni dei Paesi partner.
  • I Viaggi internazionali di scambio vanno a contattare alcune tra le realtà giovanili più significative del Paesi visitati.
  • Le diverse iniziative di studio e di comunicazione attuate dai Paesi partner e dai Paesi aderenti permettono di coinvolgere un numero rilevanti di giovani nei rispettivi territorio (con prevalenza dei giovani associati).